Etichette

sabato 12 dicembre 2015

IL MALE VINTO DALLA POTENZA DELLA CROCE


"Per uscire dalle grinfie di Satana, bisogna porsi in adorazione sotto la croce di Cristo e implorare la Divina Misericordia.
Il metodo più sicuro per salvarsi dall’ingranaggio diabolico, che conduce alla morte eterna, consiste nell’imitare l’umiltà e l’amore che Gesù portò a Dio Padre sulla croce. Anche noi siamo invitati a inserire la nostra volontà in quella del Padre e a non dubitare del Suo amore infinito. Proviamo a crocifiggere il “vecchio uomo” ,il nostro vecchio io egoista ,sulla croce e faremo l’esperienza in una nuova vita, quella che Cristo ci offre.
Non è con la paura che si affronta il demonio, ma con la certezza che Gesù ha già vinto Satana e con la consapevolezza che siamo chiamati a prendere parte alla Sua vittoria, quella già realizzata nella Risurrezione di Gesù." © Padre Gilles,sacerdote esorcista
IL MALE VINTO DALLA POTENZA DELLA CROCE 
scritto da Padre Gilles Jeanguenin sacerdote esorcista, membro dell’Associazione Internazionale degli Esorcisti, oblato secolare dell’ordine benedettino affiliato all'Ordine della Visitazione .
Vangelo (Mt 11,25-30)
In quel tempo Gesù disse: “Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio lo voglia rivelare.
Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero”.
Discorrere su Satana è cosa particolarmente delicata: o si tende a parlarne troppo, esacerbando paure o fantasie malsane, o si tace perché l’argomento è scomodo. Cercherò di affrontare il discorso, evitando di cadere nell’uno o nell’altro di questi eccessi.
L’insegnamento della Chiesa e l’esperienza dei maestri di vita spirituale, nutriti alla fonte delle Sacre Scritture, ci pongono davanti a una tremenda realtà: chi ama Gesù e accoglie la sua parola è confrontato inevitabilmente a Satana, che è il grande nemico della nostra salvezza. Questo spirito malefico è sempre sul piede di guerra e non lascia tregua all’anima che vive nell’amore e nella pace di Dio. Satana è tutt’altro che uno spirito pacifico, poiché il suo tormento nell’inferno consiste nel non aver mai né amore né pace. Egli è, per definizione, uno spirito ribelle e violento e, per quanto ne sappiamo dalle labbra di Gesù, “omicida fin dal principio e padre della menzogna” (Gv 8, 44).
Molti cristiani non hanno la consapevolezza di trovarsi in una situazione “bellica” contro le forze de male e non sanno che, in forza del loro Battesimo, sono abilitati a vincere la guerra contro Satana.
Essi si sentono volentieri chiamati a lottare per la giustizia e la pace sulla terra, ma tendono a dimenticare il COMBATTIMENTO SPIRITUALE,
che consiste nel rifiutare il peccato per unirsi più pienamente a Dio.
In questa battaglia tra il Bene e il male, Cristo è il vincitore assoluto. La sua vittoria, però, fu ottenuta in un modo del tutto inconsueto per noi, perché Cristo non dispone di armi visibili, né ricorre a nessuna forma di prepotenza, ma disarma la violenza con l’unica arma che possiede: l’Amore.
È solo con l’amore verso gli uomini e con una piena adesione alla Volontà di Dio Padre, che Gesù sconfigge l’odio e spezza il circolo vizioso del male.
Satana, invece, non può che odiare e propinare il suo abominevole veleno nel mondo.
Per distruggere il male, cosa insegna il divin Maestro? Lo straordinario modo di vincere di Gesù è rivelato nella Lettera ai Filippesi: “Egli annullò in sé la violenza con l’umiltà, condotta avanti fino alla morte e alla morte di croce” (Fil 2,8).
Al contrario dell’uomo, che vive di violenze date e ricevute, Gesù, nell’offerta della propria vita sulla croce, distrugge la violenza con la sua mitezza.
È l’umiltà di Cristo ad aver trionfato sull’Avversario della nostra salvezza! La prepotenza del “Grande disobbediente”, infatti, è stata sconfitta dalla sottomissione di Gesù alla Volontà del Padre.
È nell’amore incondizionato verso il Padre , che Gesù ha tratto la forza per soffrire umilmente, fino a farne un dono d’amore per la salvezza dell’umanità.
Gesù, agonizzante sulla croce, attinge la forza di soffrire la Passione unicamente nell’amore che lo unisce al Padre.
Numerosi cristiani, purtroppo, non vedono nella croce un segno e una realtà della sofferenza e dell’amore umile di Cristo. “Il vanto della croce” di cui parla Paolo ai Galati è stoltezza o follia agli occhi del mondo.
Chi potrà capire che la misura dell’amore perfetto sta nell’offerta del dolore totale? Con questa espressione voglio dire Gesù ha patito sulla croce non solo il dolore fisico ma anche morale e spirituale, vissuto in una totale adesione alla Volontà del Padre.
Ci sentiamo tutti piccoli davanti al mistero della Croce che ci intimorisce per la crudeltà e il ribrezzo che ispira. Anche la nostra croce quotidiana, a volte, ci repelle. Essa, però, può diventare accettabile o anche desiderabile, se è vista nella luce dell’amore divino. Accettare la propria croce è tutt’altro che attraente: ci impaurisce, eppure, fidandoci di Dio, continueremo a dire sì alla volontà di Dio.
Origene diceva che “Ciascuno di noi porta dentro di sé il proprio olocausto”. Ognuno ha, infatti, la possibilità concreta di offrirsi insieme al Crocifisso come olocausto gradito al Padre.
Con la nostra vita, offriamo le nostre gioie e sofferenze e, soprattutto, il nostro amore.
Per uscire dalle grinfie di Satana, bisogna porsi in adorazione sotto la croce di Cristo e implorare la Divina Misericordia.
Il metodo più sicuro per salvarsi dall’ingranaggio diabolico, che conduce alla morte eterna, consiste nell’imitare l’umiltà e l’amore che Gesù portò a Dio Padre sulla croce. Anche noi siamo invitati a inserire la nostra volontà in quella del Padre e a non dubitare del Suo amore infinito. Proviamo a crocifiggere il “vecchio uomo” ,il nostro vecchio io egoista ,sulla croce e faremo l’esperienza in una nuova vita, quella che Cristo ci offre.
Non è con la paura che si affronta il demonio, ma con la certezza che Gesù ha già vinto Satana e con la consapevolezza che siamo chiamati a prendere parte alla Sua vittoria, quella già realizzata nella Risurrezione di Gesù.
© Padre Gilles

Nessun commento:

Posta un commento